noi-italia2015
istat

>> Nel 2013 l’indebitamento netto si riduce, portandosi al 2,8 per cento del Pil. Tra i paesi  dell’Uem l’Italia si colloca al secondo posto, dopo la Germania, per saldo primario; si colloca al decimo posto relativamente all’incidenza dell’indebitamento netto.

 >> L’Italia si conferma tra i paesi dell’Ue caratterizzati da un elevato rapporto debito/Pil. Nel 2013 questo rapporto risulta in crescita di 5,7 punti percentuali e si attesta al 127,9 per cento: valore inferiore solamente a quello di Grecia e Portogallo.

>> La pressione fiscale in Italia nel 2013 raggiunge il 43,3 per cento, collocando il nostro Paese al sesto posto nell’Ue28. Rispetto ai principali paesi europei il dato italiano risulta inferiore solo a quello della Francia.

>> La Pubblica amministrazione italiana spende circa 13,5 mila euro per abitante, un valore leggermente superiore a quello medio dell’Ue28, ma ancora inferiore a quello delle principali economie dell’Unione. A livello territoriale, la spesa statale regionalizzata del Centro-Nord si conferma superiore a quella del Mezzogiorno, sebbene si riduca il divario tra le due ripartizioni.