noi-italia2015
istat

Peso del settore pubblico

121/121

Versione stampabile

Diminuisce il divario tra Centro-Nord e Mezzogiorno nella spesa statale per abitante      

UNO SGUARDO D'INSIEME

La rilevanza del comparto pubblico sul complesso dell’economia dei paesi occidentali può essere misurata in termini di spesa per abitante. Ne emerge un quadro che, in rapporto agli altri paesi europei, ridimensiona fortemente il ruolo delle Amministrazioni pubbliche (Ap) nel nostro Paese. Nel 2013 la spesa pubblica ammonta a quasi 13,5 mila euro per abitante. Questo valore colloca l’Italia poco sopra la media europea. L’ammontare di spesa pubblica attribuibile alle diverse regioni non può essere calcolato con esattezza; in questa sede si è scelto di mostrare la sola spesa statale per regione. Nel 2012, il Centro-Nord continua a registrare una spesa statale per abitante più elevata rispetto al Mezzogiorno, sebbene si attenui il divario tra le due ripartizioni.


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Confronti europei


icona Spesa della Pubblica amministrazione nei paesi Ue
[xls
 - ods]


Confronti regionali


icona Spesa statale per regione
[xls]

icona Spesa statale per regione
[xls]


Serie storiche


icona Spesa statale per regione
[xls
 - ods]


Definizioni utilizzate

L’incidenza della spesa delle Ap rapporta il totale delle spese (uscite) delle Amministrazioni pubbliche al numero di abitanti. Il totale delle spese comprende sia la quota corrente (personale, consumi intermedi, trasferimenti, ecc.) sia quella in conto capitale (investimenti, contributi e trasferimenti, ecc.). Le unità di lavoro (o equivalente tempo pieno) sono una misura che quantifica il volume di lavoro svolto da coloro che partecipano al processo di produzione in modo omogeneo (una persona può assumere una o più posizioni lavorative). La spesa statale è “regionalizzata” dalla Ragioneria generale dello Stato in base alla localizzazione dei pagamenti presso le Tesorerie dello Stato, escludendo la spesa relativa al rimborso delle passività finanziarie. Naturalmente non è facile regionalizzare la spesa pubblica nel suo complesso dal momento che alcuni aggregati, per loro stessa natura, non sono riferibili ad alcuna area geografica. Inoltre, è importante segnalare che non è corretto confrontare l’aggregato della spesa statale regionalizzata con quello della spesa pubblica diffuso dall’Istat, sia perché il primo è un sottoinsieme del secondo, sia perché vengono utilizzate definizioni differenti.


Fonti

Ministero dell’economia e delle finanze (Mef)

Eurostat, Government statistics

Pubblicazioni

Istat, Conti ed aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche, Tavole di dati, 4 novembre 2013

Mef, La spesa statale regionalizzata – Anno 2012, Studi e pubblicazioni, ottobre 2014

Link utili

Istat/conti nazionali

Mef/pubblicazioni



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice