noi-italia2015
istat

Laureati in discipline tecnico-scientifiche

90/121

Versione stampabile

Crescono ancora i laureati nelle discipline tecniche e scientifiche e si riduce il gap di genere     

UNO SGUARDO D'INSIEME

La quota di giovani che hanno conseguito un titolo accademico nell’area S&T (Science and Technology) rappresenta una buona approssimazione del flusso annuale di persone altamente qualificate, potenzialmente disponibili a operare nel campo della ricerca e sviluppo. Uno scarso numero di laureati in S&T si traduce, per i paesi, in una perdita complessiva di competitività internazionale nel campo dell’alta tecnologia perché rende difficile il reclutamento di ricercatori e tecnici ad alta qualificazione scientifica da parte delle imprese. Incentivare i giovani allo studio delle discipline tecnico-scientifiche è stato, infatti, uno degli obiettivi della Strategia di Lisbona, che mirava ad aumentare del 15 per cento in dieci anni il numero di laureati in queste discipline nonché a ridurre il relativo gap di genere. In Italia le quote sono costantemente cresciute tra il 2000 e il 2010, consentendo il raggiungimento dell’obiettivo. Nel 2012 l’indicatore è ulteriormente aumentato, attestandosi su 13,2 laureati in S&T ogni mille residenti 20-29enni.


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Confronti europei


icona Laureati in discipline tecnico-scientifiche per sesso nei paesi Ue
[xls
 - ods]


Confronti regionali


icona Laureati in discipline tecnico-scientifiche per sesso e regione
[xls]

icona Laureati in discipline tecnico-scientifiche per regione
[xls]

icona Laureati in discipline tecnico-scientifiche (3D)
[mp4]


Serie storiche


icona Laureati in discipline tecnico-scientifiche per sesso e regione
[xls
 - ods]


Definizioni utilizzate

L’indicatore è costruito come il rapporto tra chi ha conseguito nell’anno solare di riferimento un titolo accademico nelle discipline scientifico-tecnologiche e i giovani nella classe di età 20-29 anni, per mille. Al numeratore si considerano i laureati, i dottori di ricerca, i diplomati ai corsi di specializzazione, di perfezionamento e di master di I e di II livello (livelli 5 e 6 della classificazione internazionale Isced97) che hanno conseguito un titolo universitario nelle aree disciplinari di Scienze naturali, Fisica, Matematica, Statistica, Informatica, Ingegneria dell’informazione, Ingegneria industriale, Architettura e Ingegneria civile.


Fonti

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur)

Unesco-Oecd-Eurostat, UOE data collection

Pubblicazioni

Eurostat, Science, technology and innovation in Europe, Pocketbooks, 2013

Link utili

Miur/statistiche

Eurostat/Science and technology



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice