noi-italia2015
istat

Fruizione degli esercizi ricettivi

52/121

Versione stampabile

Permanenza media negli esercizi ricettivi in continuo calo     

UNO SGUARDO D'INSIEME

Il turismo, inteso come fruizione del patrimonio materiale e immateriale (paesaggistico, culturale, artistico, ricreativo, ecc.), è spesso associato all’utilizzo delle strutture ricettive di un territorio. Le tipologie di turismo si caratterizzano per il diverso numero medio di notti trascorse dai clienti negli esercizi ricettivi: valori elevati, corrispondenti alla fruizione degli esercizi per periodi di soggiorno prolungati, si registrano prevalentemente come turismo stagionale nelle regioni costiere e nelle zone montane; le permanenze brevi sono, invece, generalmente associate al turismo culturale, in particolare nelle “città d’arte” e al cosiddetto “turismo per affari”. In Italia, nel 2013, nel complesso degli esercizi ricettivi operanti sul territorio, si sono registrati quasi 104 milioni di arrivi con circa 377 milioni di presenze. La durata media del soggiorno nelle strutture ricettive è risultata di 3,63 notti in leggero calo rispetto all’anno precedente (-0,04 notti), con valori in riduzione sia per i residenti in Italia (-0,04 notti) sia per i residenti all’estero (-0,03 notti). Questo calo si pone in linea con l’andamento registrato dal 2000, caratterizzato da una contrazione progressiva della permanenza media (-0,74 notti).


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Confronti europei


icona Permanenza media dei clienti negli esercizi ricettivi nei paesi Ue
[xls
 - ods]


Confronti regionali


icona Arrivi, presenze e permanenza media negli esercizi ricettivi per provenienza dei clienti e regione
[xls]

icona Permanenza media dei clienti negli esercizi ricettivi per regione
[xls]


Serie storiche


icona Permanenza media negli esercizi ricettivi per regione di destinazione
[xls
 - ods]


Definizioni utilizzate

Per fruizione degli esercizi ricettivi si intende il numero degli arrivi e delle presenze dei clienti negli esercizi ricettivi di un paese. In Italia viene rilevata attraverso l’indagine Istat sul Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi, condotta mensilmente, in modo conforme al Regolamento (Ue) n. 692/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio sulle statistiche del turismo. A livello di singolo comune si raccolgono, per ciascun mese, gli arrivi e le presenze dei clienti (residenti e non residenti) nelle strutture alberghiere (secondo la categoria) e nelle strutture extra-alberghiere (campeggi, villaggi turistici, alloggi in affitto gestiti in forma imprenditoriale, agriturismi, ostelli per la gioventù, case per ferie, rifugi di montagna, bed & breakfast e altri esercizi ricettivi non altrimenti classificati) e secondo il paese estero o la regione italiana di residenza. Vengono calcolati altresì i tassi di occupazione netta dei posti letto e delle camere delle strutture ricettive di tipo alberghiero. Gli arrivi corrispondono al numero di clienti ospitati negli esercizi ricettivi nel periodo considerato. Le presenze corrispondono al numero delle notti trascorse dai clienti negli esercizi ricettivi nel periodo considerato. La permanenza media è il rapporto tra il numero di presenze ed il numero di arrivi registrati nel periodo di riferimento negli esercizi ricettivi.


Fonti

Istat, Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi

Eurostat, Tourism statistics

Pubblicazioni

Istat, CapacitĂ  degli esercizi ricettivi e movimento dei clienti - Anno 2013, Comunicato stampa, 10 dicembre 2014

Link utili

Istat/turismo

Istat/datawarehouse

Eurostat/tourism



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice