noi-italia2015
istat

Inflazione

96/121

Versione stampabile

Nel 2014 si conferma la frenata dell’inflazione     

UNO SGUARDO D'INSIEME

L’inflazione misura l’andamento del livello generale dei prezzi e fornisce, pertanto, un’indicazione sulla variazione del potere d’acquisto della moneta. La Commissione europea ha individuato nell’inflazione uno dei parametri da monitorare tra i criteri di convergenza sanciti dal trattato di Maastricht: il tasso di inflazione medio annuo di ogni paese (misurato dall’indice Ipca) non deve superare di oltre 1,5 punti percentuali la media dei tassi di inflazione dei tre paesi comunitari più virtuosi. Nel 2013, in un quadro caratterizzato dal perdurare della fase di recessione economica e di debolezza della domanda interna, il tasso di inflazione italiano si è più che dimezzato, scendendo all’1,2 per cento (indice Nic) dal 3,0 per cento dell’anno precedente. Nella prima metà del 2014 l’inflazione ha continuato a mostrare un profilo in rallentamento fino a registrare riduzioni dei prezzi su base annua nei mesi di agosto (-0,1 per cento) ‒ per la prima volta dopo 55 anni ‒ e di settembre (-0,2 per cento); a ottobre, seppur lievemente, i prezzi al consumo sono tornati a crescere su base annua (0,1 per cento). Nella media dei primi dieci mesi del 2014, il tasso di inflazione è risultato pari allo 0,3 per cento.


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Confronti europei


icona Indici armonizzati dei prezzi al consumo (Ipca) nei paesi Ue
[xls
 - ods]

icona Indici armonizzati dei prezzi al consumo (Ipca) in Italia e nell'Uem
[xls
 - ods]


Dati nazionali


icona Indici dei prezzi al consumo Nic al lordo dei tabacchi in Italia
[xls]


Serie storiche


icona Indici dei prezzi al consumo Nic al lordo dei tabacchi per regione
[xls
 - ods]


Definizioni utilizzate

Gli indici dei prezzi al consumo misurano le variazioni nel tempo dei prezzi di un paniere di beni e servizi rappresentativi di tutti quelli destinati al consumo finale delle famiglie presenti sul territorio nazionale e acquistabili sul mercato attraverso transazioni monetarie. L’Istat produce tre diversi indici: quello armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca), che consente il confronto tra i paesi europei; quello per l’intera collettività nazionale (Nic), calcolato anche a livello regionale e delle principali ripartizioni; quello per le famiglie di operai ed impiegati (Foi). Questa scheda presenta le dinamiche dei primi due indici.


Fonti

Istat, Indagine sui prezzi al consumo

Eurostat, Harmonized Indices of Consumer Prices (Hicp)

Pubblicazioni

Istat, Prezzi al consumo, Comunicato stampa, 13 novembre 2014

Link utili

Istat/inflazione

Istat/datawarehouse

Eurostat/hicp



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice